Cucina vegetariana semplice e veloce


Piatto vegetariano

 

Visto che il raccolto di zucchine quest’anno si sta rivelando più che soddisfacente e visto che praticamente le nostre zucchine arrivano a piedi dall’orto e si buttano in pentola, ecco una ricetta vegetariana facile e veloce.

I nostri ospiti hanno apprezzato molto questa lasagna vegetariana e visto che qualcuno ci ha già chiesto la ricetta..detto, fatto!

INGREDIENTI

1 verza
3 o 4 zucchine medie
2 patate
1 pomodoro
1 porro o cipollotti bianchi
1 o 2 carote
emmental a pezzi o a fette

Fate lessare le foglie della verza oppure fatele cuocere a vapore e tenetele da parte (per la quantità, regolatevi in base alla vostra teglia).
Se avete scelto la prima soluzione, cioè quella di lessarle, utilizzate la stessa acqua per fa bollire le patate… con la buccia, in modo che mantengano tutte le loro proprietà.
Quando saranno cotte, lasciatele raffreddare un po’e una volta tolta la buccia, fatele a fette piuttosto sottili.

Nel frattempo soffriggete in padella il porro o i cipollotti e aggiungete carote e zucchine tagliate a rondelle, appena è tutto pronto, aggiungete le patate.

Prendete una teglia o una pirofila di vetro come la nostra e fate uno primo strato con le foglie intere di verza, un secondo strato di verdure, e un terzo strato di formaggio.

A seconda della profondità della vostra pirofila potrete ripetere la sequenza, ma ricordate di finire sempre con le verdure cotte in padella.
Prima di mettere tutto in forno per almeno 10/15 minuti a 180°, aggiungete qualche fetta di pomodoro.

Attendiamo commenti!;)

Annunci

Fagioli alla gallurese


Zuppa di fagioli borlotti
Ottimo piatto vegetariano, i fagioli alla gallurese sono una di quelle pietanze che nei freddi e ventosi inverni sardi, non manca mai sulla tavola.

Ricco e sostanzioso è perfetto per saziare la pancia, deliziare il palato e scaldare il cuore. Troppo poetico per un semplice piatto di fagioli? Assaggiate e poi diteci!

A casa nostra si preparano così:

INGREDIENTI

300 gr di fagioli borlotti
un mazzetto di finocchietti selvatici
sale e pepe a piacere.
olio extravergine d’oliva
4/5 cipolline fresche lunghe
pancetta dolce, lardo o cotiche di maiale (per chi non vuole fare il vegetariano!)

PREPARAZIONE

Fate bollire i fagioli borlotti con i finocchietti selvatici tagliati a pezzetti (se avete deciso di usare pancetta o cotiche aggiungete anche queste).
Lasciate evaporare l’acqua di cottura e fate consumare (non completamente).

Quasi a fine cottura aggiungere le cipolline affettate e lasciate sul fuoco ancora qualche minuto.

A crudo aggiungete qualche cucchiaio di olio extravergine d’oliva.
Se preferite i fagioli secchi ricordate di metterli a bagno la notte prima, ma se scegliete i borlotti in scatola già cotti a vapore, potete seguire il procedimento inverso saltando la fase della bollitura.

Fate soffriggere la pancetta (o no) con le cipolline a fette, aggiungete
i finocchietti selvatici, il sale, il pepe e i fagioli.

Buon appetito!

Focaccina di bietole


Focaccia di BietolaNELLA CUCINA DEGLI ALTRI

L’autunno, stagione di cavoli, bietole, verze, broccoli e carciofi.
La cucina di Paolo Fratello, piccola, accogliente e colorata.
Sulle mensole barattoli di vetro pieni di semi, erbe aromatiche e spezie portate o commissionate a qualcuno di rientro da un viaggio nelle calde terre del sud.

Nel suo modo di cucinare c’è l’agrodolce della Sicilia, l’acidità degli oli di Puglia, la fragranza delle friselle lucane e i pomodori della Campania.
C’è sempre estrema attenzione agli ingredienti: devono essere di qualità, possibilmente biologici e a km zero.
C’è attenzione nei tempi e nei modi di cottura, perché ogni elemento in cucina possa sprigionare tutto il suo profumo e il suo sapore. Niente è lasciato al caso.

Mi racconta di una foccacina  di rucola, uova, farina di riso e curcuma preparata in giornata… mi piace, adesso provo a farla anche io!
Mi mancano gli ingredienti elencati e allora ne elaboro una personale versione.

FOCACCINA DI BIETOLE

Ingredienti per 2 persone

2 uova
2 cucchiai di farina di farro
bietole
olio extra vergine di oliva
uno spicchio d’aglio
un cucchiaino di amido di frumento o amido di patate
un pizzico di sale
un pizzico di bicarbonato
una spolverata di parmiggiano
un pizzico di noce moscata

Preparazione

Lavate e tagliate a pezzetti la bietola, fatela appassire in padella con un filo d’olio extra vergine e uno spicchio di aglio schiacciato. Aggiungete un pizzico di sale.

Separate i tuorli dagli albumi. Lavorate i tuorli con la farina, l’amido di frumento, un pizzico di bicarbonato e una spolverata di parmiggiano.
Aggiungete le bietole (togliendo lo spicchio d’aglio!).

Montate neve i due albumi e aggiungete al composto mescolando dal basso verso l’alto. Completate il tutto aggiungendo una spolverata di noce moscata.

Foderate una teglia, non troppo grande, con carta forno e versate l’impasto. Infornate per 15/20 minuti a 200°, ma ricordate che ogni forno è diverso, perciò controllate i vostri tempi di cottura… a vista e a naso!

Una ricetta vegetariana, facile e velocissima, da preparare anche con altre verdure o altre farine che si prestano a un impasto soffice.

Buon appetito!

 

Zuppa di zucca, cavolo cappuccio e ceci


Zuppa di zucca, cavolo cappuccio e ceci

NELLA CUCINA DEGLI ALTRI

Una cucina piccola in un piccolo appartamento pianoterra, un gruppo di amici, un bicchiere di vino rosso che tiene compagnia mentre si prepara la cena al termine di una giornata grigia e uggiosa.

Qualcuno trita, qualcuno taglia, un altro affetta, c’è chi apparecchia e chi intrattiene strimpellando una chitarra.
Una zuppa è la pietanza dove condivisione ed eguaglianza si esprimono al meglio. Non ci sono parti migliori, non ci sono porzioni più grandi o più piccole, non ci sono forme.

Ecco come si prepara la zuppa di zucca, cavolo cappuccio e ceci.

INGREDIENTI

1 scalogno
uno spicchio di aglio
350 gr di zucca
una confezione di ceci precotti
150 gr di cavolo cappuccio
rosmarino
250 gr di farro
olio, sale e pepe qb
mezzo bicchiere di vino bianco

Tritate lo scalogno e schiacciate uno spicchio di aglio, mettete entrambi a soffriggere nell’olio extra-vergine di oliva. Sfumate il soffritto con il vino bianco e lasciate evaporare.
Aggiungete la zucca a pezzetti e il cavolo cappuccio tritato, lasciate cuocere per qualche minuto aggiungendo un goccio d’acqua se necessario.

Aggiungete i ceci, dopo aver eliminato l’acqua presente nel barattolo.
In una pentola a parte fate bollire l’acqua salata e fate cuocere il farro, una volta cotto, scolate e aggiungete agli altri ingredienti.

Infine salate, pepate e aggiungete un ramoscello di rosmarino.
La zuppa è da servire ben calda, magari con crostini di pane di grano duro.

Il consiglio è quello di cuocere il tutto a fuoco a lento in un tegame di coccio senza dimenticare lo spargifiamma.
Accompagnate con un vino, rosso corposo e rotondo.

 

 

 

 

 

 

Zucchine ripiene e…gustose


Ricetta delle zucchine ripiene
Ricordo che ogni domenica mia nonna riuniva l’intera famiglia attorno ad un tavolo rotondo, cominciava a cucinare la mattina presto e giunta l’ora, mentre ci si avvicinava a casa, dal balcone con le finestre aperte si diffondevano nel vicolo i profumi dei suoi manicaretti.
Alle 13.00 tutti a tavola altrimenti erano guai!

Una delle specialità erano le zucchine ripiene ed ecco una ricetta semplicissima, con qualche personale modifica.

Ingredienti

Zucchine (verranno divise in quattro, perciò vedete voi se considerarne una o due porzioni per persona)
una cipolla
olio extra vergine di oliva
pangrattato
sale e pepe nero qb

Tagliate le zucchine a metà sul lato lungo e poi dividete ancora una volta per il lato corto, fino ad ottenere quattro pezzi da una sola zucchina.

Vuotate della polpa e mettete “i gusci” in una pentola a vapore, tanto per ammorbidirli un po’, solo un paio di minuti.
Zucchine ripiene con curry

Tritate la cipolla e la polpa delle zucchine, mettete a soffriggere in padella con un filo d’olio.
Aggiungete sale, pepe nero e pangrattato quanto basta per creare un ripieno cremoso e consistente allo stesso tempo.

Riempite le zucchine cotte a vapore con il vostro ripieno e disponete su una teglia rivestita con carta forno.
Infilate in forno per 15 minuti, fino a che la superficie delle zucchine sarà ben dorata.

Una variante per dare più gusto al ripieno potrebbe essere quella di aggiungere una spolverata di curry o se preferite qualche cubetto di prosciutto cotto.

Mia nonna, come insegna la tradizione gallurese, aggiungeva al ripieno mezzo cucchiaino di zucchero e faceva lo stesso quando preparava le melanzane ripiene. Il sapore appena dolce di queste zucchine bene si sposava con i sapori decisi degli altri antipasti che riempivano il tavolo.. e la pancia!

Crostini alla crudaiola


ricetta crudaiola
Gli ultimi colpi di coda di quest’estate ci fanno venir voglia di profumi freschi di erbe aromatiche e colori vivaci di verdure maturate al sole.
La crudaiola, lo dice già il nome, è una salsa a base di ingredienti crudi e freschissimi e ognuno la prepara a modo suo.

Che si parli di crostini alla crudaiola o pasta alla crudaiola, il risultato è ottimo in ogni caso! Ecco come la prepariamo qui a Lu Salconi.

Ingredienti

4-5 pomodorini ciliegini o piccadilly
un mazzetto di basilico
una manciata di mandorle
una manciata di pinoli
uno spicchio di aglio
150-200 g di ricotta di pecora
sale e olio extra vergine di oliva qb

Mettete tutti gli ingredienti nel frullatore, accendete e create un pesto non troppo sottile, che lasci il piacere di sentire sotto i denti le mandorle tritate.
Condite crostini di pane tostati al forno o un bel piatto di pasta del tipo che preferite.

Semplice, veloce e decisamente gustosa!