Grissini home made


Grissini fatti in casaHo voglia di sgranocchiare qualcosa… ma cosa?? Vago per la cucina come un’anima in pena e poi ci viene un’illuminazione: grissini!

E allora, tiriamo fuori dalla dispensa gli ingredienti per la nostra ricetta dei grissini fatti in casa:

200 gr. di farina 00
100 ml acqua tiepida
10 gr di lievito di birra secco (di solito è il peso di una bustina)
un pizzico di sale
un cucchiaino d’olio extravergine d’oliva
a piacere: timo, rosmarino, semi di papavero, sesamo ecc.

Con queste dosi escono circa 15 grissini, perciò se ne vorrete di più, dovrete raddoppiare le dosi.

Sciogliete il lievito nell’acqua tiepida e iniziate a impastare con la farina, aggiungete l’olio e per ultimo il sale. Altrimenti rallenta la lievitazione.

Mettete a lievitare la massa per almeno un’ora. Riprendete l’impasto e aggiungete origano, timo o i semi che avete scelto e mettete nuovamente a lievitare per altri 30 minuti.

A questo punto, stendete la pasta con un mattarello, per ottenere una sfoglia di 1 centimetro e tagliate delle strisce larghe circa 1, 5 cm.
Con le mani, arrotondate le strisce ricavate e stendetele su di una leccarda coperta di carta forno.

Infornate per 15 minuti (o almeno fino a che non saranno dorati) in forno a 200°.

Lasciate raffreddare e sgranocchiate i vostri grissini rustici!

Settimana Santa in Sardegna


Lo ammetto, non sono mai stata una cristiana praticante e di certo le nonne non ne sono andate fiere, ma esser nati in Sardegna significa anche portare avanti tradizioni che esistono da millenni.
Ci sono riti che non hanno mai oltrepassato i confini del mare e che si sono mantenuti intatti nel tempo, come chiusi in una teca di vetro.

La Settimana Santa in Sardegna è uno di questi, un’esperienza che indubbiamente lascia il segno.
Cattolici, cristiani, praticanti o atei, non rimarrete indifferenti alla magia che si respira nell’aria.

La chiamiamo Chida Santa, Xida Santa o Chenabura Santa, a seconda delle coordinate geografiche.

Riti, liturgie e processioni si susseguono a partire dalla Domenica delle Palme (sas prammas), il primo giorno della Settimana Santa, e si svolgono tra le chiese e i luoghi di culto più antichi delle varie città sarde.

Dobbiamo questa antica tradizione al periodo spagnolo, quando nobildonne e aristocratici portarono dalla penisola iberica queste “usanze religiose” che si amalgamarono subito con la fede del popolo sardo e misero le radici in questa terra.

Ancora oggi, non solo gesti e rituali richiamano l’origine spagnola, ma anche le fattezze di statue, dipinti e degli abiti indossati per l’occasione.

Chi vuole visitare la Sardegna, durante questo periodo, scoprirà una meta insolita e spesso sconosciuta agli occhi del turista troppo concentrato sulla bellezza delle spiagge.

E allora ecco i luoghi in cui si celebra Sa chida Santa:

Alghero
Santu Lussurgiu
Bolotana
Bortigali
Bosa
Cagliari
Castelsardo
Cuglieri
Desulo
Domusnovas
Iglesias
Oliena
Oristano
Sassari

Per maggiori informazioni:
Sardegna Grandi Eventi
Sardegna Turismo