Colazione a Lu Salconi



Ecco come fanno colazione gli ospiti a Lu Salconi!
Prodotti locali, yogurt, biscotti, torte e marmellate sono fatte in casa
non vi sembra un buon motivo per venirci a trovare?

Decotto di limone per dolci


Decotto di limoneVisto che è passato troppo tempo dall’ultima pubblicazione di una ricetta, ci facciamo perdonare con una bella ricetta casalinga: il decotto di limone per dolci.

Non parliamo di un decotto da bere stile tisana brucia grassi, ma di un vero e proprio sciroppo di limone ottimo come ingrediente per aromatizzare i vostri dessert e che, inoltre, vi farà risparmiare qualche soldino sull’acquisto delle costose essenze per dolci.

Di quali ingredienti avrete bisogno per questa ricetta? (oltre alla pazienza, intendo!)

5/6 scorze di limone
500 ml di succo di limone (deve essere non trattato e se non lo trovate dal fruttivendolo, siete autorizzati a rubar .. a prenderlo in prestito dall’albero del vicino di casa!… confidiamo che voi abbiate un vicino con florido agrumeto!)

250 ml di acqua
300 gr di zucchero

Tagliate le scorze di limone sottili, il tanto da non portare via anche la parte bianca.
In un pentolino versate l’acqua, il succo di limone e lo zucchero.
Fate bollire il tutto per circa 5 minuti e continuate a mescolare lentamente. Togliete dal fuoco e lasciate raffreddare.
Riprendete la cottura per ancora 15 minuti circa, aggiungendo le scorze di limone.
Togliete dal fuoco, lasciate raffreddare e conservate in barattoli o bottiglie di vetro.

Tenete i contenitori al fresco, anche in frigo, e utilizzate il vostro sciroppo per aromatizzare cheesecake, ciambelle, pasta frolla, biscotti e semifreddi.

Un consiglio: visto che una parte dello zucchero è già contenuta nel vostro decotto, potete ridurre a piacere la dose di zucchero indicata nella vostra ricetta.

Castelsardo on the road


Castelsardo, un bellissimo borgo arroccato su punte di roccia a picco sul mare. Parcheggiate auto e moto a valle e lasciate che i piedi vi portino su, in alto, lì dove si domina il mare.

A passeggiare per le vie si incontrano le signore che fuori dalla porta della propria abitazione intrecciano i tipici cestini sardi, turisti tedeschi cotti dal sole di agosto alla ricerca di un angolo d’ombra e anziani che forniscono indicazioni ai passanti, con il loro tipico accento un po’ sardo un po’ genovese un po’ catalano, eredità di alterne dominazioni.

Lasciatevi deliziare dalla cucina locale a base di pesce fresco: aragosta e ricci sono un must!

Acquistate qualche souvenir presso il Padiglione dell’artigianato ai piedi del paese oppure in uno dei piccoli negozietti incastonati nel borgo.

La cortesia, la semplicità e i sorrisi dei suoi abitanti vi stupiranno.