Mostra d’arte a Lu Salconi, le ceramiche di Stefania Missio


Inizia oggi 29 luglio 2013 e proseguirà per tutta l’estate l’esposizione delle ceramiche e delle opere di Stefania Missio.

Ceramiche fatte a mano

Sono esposti nell’accogliente sala ristorante del nostro agriturismo vasi, tazze, bicchieri, piastrelle e simpatici pesciolini colorati.
Potrete venire a dare un’occhiata anche solo per curiosità e se qualcosa vi piace potrete acquistare direttamente qui a Lu Salconi una di queste magnifiche opere.
Sarà di certo un souvenir insolito e autentico da portare a casa dopo la vostra vacanza in Sardegna!

Le piastrelle raffigurano i volti delle donne sarde in costume tradizionale, in modo geniale e decisamente inconsueto.
I vasi colorati e vivaci, hanno forme snelle o panciute, rotonde o più simmetriche.
I pesciolini colorati si possono trasformare in simpatici fermacarte, calamite, ciondoli e tanto altro.

Ceramiche sarde Stefania Missio

Le opere di Stefania sono realizzate a La Maddalena nel suo piccolo laboratorio artigianale. Ad aiutarla Tino, compagno di vita e di avventure che abilmente lavora e cuoce le ceramiche lasciando a Stefania il compito di inciderle e decorarle.

pesci colorati di Stefania Missio

Chi è Stefania Missio?

Artista figlia d’arte, nasce a Roma e studia alla Scuola Internazionale di Grafica di Venezia approfondendo le arti incisorie e la pratica del libro d’artista.
Ha esposto i suoi lavori in alcune delle città italiane ed estere più importanti
tra cui New York, Berlino, Francoforte, Santiago del Cile,
La Serena (Cile). È proprio a La Serena che è stata invitata a
tenere seminari e conferenze sul libro e sul proprio operato presso l’università.
A La Maddalena ha prestato la sua creatività all’arte dermografica, presso Gattomatto Tattoo Studio e nel 2010 fonda Quasimodo 3 dedicato alle ceramiche in cui si fondono forma plastica, incisione e pittura.

Grazie Stefania e Tino per averci concesso il privilegio di ospitare quest’esposizione!

10 cose da fare ad Alghero


Visitare Alghero
Alghero
 dai mille scorci e dalle mille sorprese. Unica città catalana in tutta l’isola conserva ancora oggi fascino ed eleganza di un tempo passato.
La storia la si scopre tra le strade del centro storico e passeggiando per i bastioni che guardano verso ovest.

Ecco allora 10 cose da fare ad Alghero:

1. Una passeggiata nel centro storico è sicuramente consigliata a tutti coloro che scelgono di visitare questa città. Botteghe artigiane, boutique, ristoranti e wine bar offrono un’ampia scelta per chi vuole degustare le specialità locali e acquistare qualche souvenir.

2. Visita al museo del corallo. Situato in via XX Settembre, 8 e ospitato all’interno di un’elegante villa Liberty, questo museo racconta la storia di una città che della raccolta e lavorazione del corallo ha fatto la sua principale ragione di vita.

3. Visita al Parco naturale regionale di Porto Conte. Quest’area inizia a nord della cittadina di Alghero, con la laguna del Calich e prosegue fino a Fertilia.
Chi ama praticare bird watching potrà ammirare le oltre 150 specie di uccelli che abitano l’area.
Ideale sia per un’escursione con la famiglia, sia per chi ama avventura e paesaggi naturali.

4. Un bagno nelle cale e nelle spiagge più belle di Alghero. Da Cala Dragunara a Spiaggia Mugoni, da Cala Viola alla spiaggia di Lazzaretto e ancora la spiaggia Maria Pia e il Lido di Alghero regalano scorci suggestivi e acque cristalline.

5. Praticare Trekking o escursioni a cavallo o ancora diving, snorkeling e kajak.
Archimete Sardegna è un centro turistico situato nel cuore del Parco di Porto Conte, che offre a tutti i visitatori la possibilità di scoprire il territorio divertendosi in compagnia di guide esperte e preparate.

6. Visita ai mercati della città. Rinomato per la vendita del primo pescato è il Mercato di Civico di via Cagliari, se invece cercate prodotti ortofrutticoli di ottima qualità potete visitare il Mercato di via Sassari. Infine, il Mercato Civico di via Amalfi a due passi dal Lido di Alghero, offre prodotti alimentari di prima scelta.

7. Degustare le specialità locali. I migliori ristoranti di Alghero propongono le specialità di mare come l’aragosta deliziosa e cucinata a regola d’arte, l’agliata salsa tradizionale della cucina algherese con pomodori secchi, aglio e aceto e ancora gli spaghetti con i ricci di mare che qui chiamano Bogamarì.
Lasciatevi consigliare dallo chef e ogni giorno sarà una scoperta di nuovi profumi e sapori.

8. Assaggiare e acquistare due dei prodotti più importanti del territorio algherese: l’olio extravergine di Alghero e i vini Doc.
Regalatevi il piacere di una visita in una delle cantine e dei frantoi e lasciatevi raccontare la storia di questi prodotti di eccellenza.

9. Acquistare souvenir. Non potrete andar via da Alghero senza aver acquistato una collana, un bracciale o degli orecchini di corallo, ma c’è anche altro da mettere in valigia, come sandali in cuoio realizzati a mano o incantevoli opere di artisti locali.

10. Aperitivo vista mare. Regalatevi un sincero calice di vino in uno dei locali che si incontrano passeggiando sui bastioni che guardano il mare.