Dolci sardi e la magia della Pasqua


Abbiamo parlato di Pasqua e del fatto che questa festività è un’ottima occasione per un’uscita fuori porta, ma ci sembra opportuno parlare di cucina e in particolare di dolci.

Certo, la pasticceria sarda non è rinomata quanto quella siciliana, fatta di creme, canditi e profumi agrumati, ma è allo stesso modo apprezzata grazie ai suoi sapori insoliti e ai suoi strani abbinamenti.

La Pasqua è il momento perfetto per mettere le mani in pasta e realizzare prelibate leccornie. Passeggiando tra i vicoli dei paesini, l’aria è pregna del profumo dello zucchero, delle mandorle tostate e del miele proveniente dalle cucine delle abitazioni.

Tra i dolci tipici sardi ci sono indubbiamente le seadas, ma di queste abbiamo già parlato, sos papassinos fatti con uva sultanina, mandorle, semi di finocchio e una leggera glassa di zucchero, ci sono sas tiliccas, con un nome complicato tanto quanto la loro preparazione; si tratta infatti di coroncine di pasta ripiene di saba, il mosto d’uva e poi ci sono sos piricchittos, delle palline aromatizzate all’anice e con i semi di finocchio.

A questi si aggiungano sas copulettas, piccoli raviolini ripieni di miele e mandorle, appena glassati all’esterno e poi ci sono sas casadinas (o casciatini in gallurese), dei cestini di pasta ripieni di ricotta o formaggio e uva sultanina.

Queste sono solo alcune delle prelibatezze che la nostra pasticceria offre e tra le curiosità ce n’è una che spicca tra tutte.
Anticamente in ogni paese era presente la figura del lattoniere, che realizzava con estrema cura piccole forme per dolci.  Non essendo realizzate in serie, queste forme erano veri e propri pezzi unici, che ogni famiglia custodiva gelosamente, tramandando di madre in figlia antiche ricette.

Annunci

2 thoughts on “Dolci sardi e la magia della Pasqua

  1. le ricette sarde sono sempre incomplete ,se uno ignora il gusto dei dolci che sta preparando non saprà mai il vero gusto di una seada,di una tiricca ecosì via ,chissa perchè? temono che vengano copiate o chi posta le ricette non conosce la tradizione dolciaria di quest’isola

    Mi piace

    1. Grazie per il suo commento! Ha ragione sul fatto che spesso le ricette della tradizione dolciaria di quest’isola siano un po’ approssimative, ma spesso derivano da ricette “fatte a occhio”, cosa che rende difficile offrire una ricetta precisa.
      Postiamo sia racconti, sia ricette e accettiamo volentieri qualche buon suggerimento su antichi manicaretti!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...